CON ‘BLOCKCHAIN’ RISULTATI RECORD

Si sono aperte ufficialmente le sperimentazioni della Regione Lombardia per l’utilizzo della tecnologia blockchain in chiave anti-burocrazia. La prima sperimentazione riguarda la misura ‘Nidi Gratis’, che permette l’azzeramento della retta del nido, nel Comune pilota di Cinisello Balsamo.

Nel solo primo giorno di apertura del bando sono state presentate 27 pratiche di adesione in blockchain nei primi 5 minuti dall’apertura, 39 nel primo quarto d’ora e 60 nella prima ora. Il tempo medio di presentazione della domanda è stato inferiore agli 8 minuti. Si tratta di un successo senza precedenti che ci fa capire che questa è la strada giusta verso la semplificazione.

Il 50% delle famiglie di Cinisello potenzialmente ammissibili alla misura Nidi Gratis ha quindi già presentato la domanda nell’arco delle prime ore di apertura del bando.

Il tempo medio di presentazione di una nuova domanda è stato di 7 minuti e 40 secondi.

Il 90% dei requisiti sono stati verificati automaticamente dal sistema e già inseriti su Blockchain risparmiando 3500 ore di lavoro amministrativo. I tempi di istruttoria residua per gli aderenti alla sperimentazione è ridotto significativamente e non richiederà per nessuno un passaggio di verifica da parte del Comune.

Ha poi preso il via la sperimentazione di Regione Lombardia che prevede l’applicazione della tecnologia ‘blockchain’ per la tracciabilità e i controlli, a tutela dei consumatori, sulle filiere delle carni bovine e dei prodotti lattiero caseari.

L’etichettatura dei prodotti permette di tracciare su un sistema decentralizzato e distribuito, la ‘storia’ dei controlli effettuati dalla Pubblica Amministrazione sulle filiere delle carni bovine e dei prodotti lattiero-caseari, dandone visibilità immediata a tutela dei consumatori. Pertanto, consentirà ai cittadini lombardi di avere accesso a tutti i dettagli della filiera, compresi gli spostamenti di ogni singolo capo o lotto e i controlli sanitari previsti dalla normativa vigente per i prodotti di origine animale. Una tecnologia che nelle intenzioni della Regione svolgerà un ruolo fondamentale a tutela del Made in Italy e in particolare del ‘Made in Lombardia’ contro frodi e contraffazioni.

Una sperimentazione in blockchain unica in Italia e in Europa promossa da una pubblica amministrazione. Saremo in grado di certificare l’intera storia dell’alimento, dalla nascita alla macellazione, comprese le evidenze sanitarie. Questo risponde a un’esigenza di trasparenza e maggiore conoscenza espressa dal 71% dei consumatori europei. Si tratta di una svolta epocale che ha già dato ottimi risultati con la prima sperimentazione applicata al bando ‘Nidi Gratis’ da poco conclusa. Siamo riusciti ad eliminare il 90% dei passaggi burocratici risparmiando 3500 ore di lavoro amministrativo.

Si è deciso infatti, in via sperimentale, di sviluppare tramite Aria Spa un’applicazione Web che raccolga dati e informazioni certificate sulla storia dell’alimento da differenti banche dati; impieghi una blockchain per registrare in modo immutabile le informazioni acquisite; dia evidenza al consumatore della storia dell’alimento compresi i controlli igienico-sanitari e la composizione dei lotti attraverso la semplice scansione del QRcode riportato sul prodotto.