Si è da poco conclusa la nostra missione istituzionale in Texas. Obiettivo aprire link e collaborazioni economiche di carattere internazionale in particolare nei settori Aerospazio e Scienze della Vita.  

Questa missione è stata un grande successo. Tutte le imprese e realtà economiche che abbiamo incontrato sono rimaste colpite dalle potenzialità del nostro territorio e hanno accolto l’invito di venire in Lombardia per iniziare collaborazioni internazionali. Nel solo Stato del Texas, come ci ha spiegato il Segretario di Stato Rolando Pablos, ci sono migliaia di brevetti che hanno necessità di essere realizzati e capitalizzati , quale occasione migliore per le nostre piccole e medie imprese del settore manifatturiero.

Tra gli incontri che abbiamo svolto la gran parte sono stati a tema Life Sciences e trasferimento tecnologico.

Stiamo lavorando per rendere la Lombardia il primo Hub nell’ambito delle Scienze della Vita in Europa. Miriamo a sostenere l’eccellenza scientifica e favorirne il trasferimento teclonogico. Lo facciamo stringendo collaborazioni di carattere internazionale e anche con i nostri Accordi per la Ricerca che abbiamo da poco rifinanziato con una nuova Call da 70 milioni di Euro che partirà a gennaio.

La filiera Life Science in Lombardia registra un valore della produzione di oltre 63 miliardi di euro con oltre 347 mila addetti e un valore aggiunto pari a circa il 12,4 % del Pil della regione.

Nella fattispecie abbiamo incontrato i rappresentanti dei centri tecnologici:

Fannin Innovation Studio, gruppo di sviluppo di Scienze della Vita che investe per diminuire il gap tra ricerca accademica e commercializzazione dei prodotti.

-Methodist Research Institute, sede di alcuni dei più brillanti scienziati e scienziati del mondo, che lavorano in un ambiente collaborativo su oltre 800 studi clinici. L’obiettivo dell’istituto di ricerca è quello di tradurre rapidamente ciò che viene scoperto in laboratorio in trattamenti per i pazienti.

-Ut Health, Università della Salute di Houston e risorsa per il Texas per educazione sanitaria, innovazione e scorperta scientifica. Si tratta dei più importanti centri di gestione di dati clinici al mondo.

-Acceleratore TMCx, un programma per lo sviluppo di startup che fornisce alle imprese un’area di lavoro condivisa, un programma di studi su misura per le esigenze degli operatori sanitari e la guida di oltre 200 consulenti del settore.

-Capital City Innovation, un gruppo che fornisce visione, direzione strategica, sostegno e sinergia tra le organizzazioni e gli individui che creano, crescono e sostengono il Distretto Innovazione di Austin nel settore Life Sciences.

-Dell Medical School, una nuova scuola di medicina creata in collaborazione con la comunità la cui missione è rivoluzionare il modo in cui le persone ottengono e rimangono in salute.

-Capital Factory, incubatore di startup. Oltre 81.000 metri quadrati di spazi di coworking, 900 eventi focalizzati sulla tecnologia e oltre 150 tra i migliori mentori tecnologici del Texas. Tra i temi di collaborazione più significativi emersi con questo centro quello dell’utilizzo della tecnologia Blockchain nella pubblica amministrazione.

Nel corso della missione abbiamo partecipato alla fiera dell’Aerospazio “Spacecom Expo 2018” dove ho avuto modo di confrontarmi con le aziende italiane presenti. Tra queste anche le due Lombarde Aerea Spa di Turate e l’Ohb Spa di Milano.

Il comparto aerospaziale rappresenta nel panorama dell’industria manifatturiera lombarda uno degli ambiti maggiormente significativi. Basti pensare che stiamo assistendo ad una nuova corsa allo spazio: 23.000 nuovi satelliti saranno lanciati nello spazio nei prossimi 5 anni. Tra il 1957 e 2014 sono stati solo 6.600. Un dato ribadito anche dal Transfer Strategy Manager della Nasa Steven Gonzalez durante una visita istituzionale alla Nasa a Houston.

Il 27 per cento dell’export nazionale del settore aerospaziale si genera in Lombardia. Il sistema produttivo nel settore aerospazio è composto da circa 220 imprese con più di 16.000 addetti e un fatturato complessivo che si aggira intorno ai 6 miliardi di euro, di cui 2,3 miliardi di euro di export.