Scuola, Sport, Cultura e Università

Scuola, Sport, Cultura e Università

La cultura brianzola ha sempre valorizzato le eccellenze in campo lavorativo e professionale. Il mondo della scuola, palestra di vita, deve puntare a una selezione più qualificata e premiante in grado di promuovere e segnalare chi ha le capacità per emergere senza mortificarne aspettative e possibilità.
Dobbiamo inoltre restituire più attenzione alla formazione professionale attraverso lo sviluppo e il finanziamento di corsi qualificati e funzionali alle attività lavorative del nostro territorio, estendendo e incentivando strumenti come la dote scuola e la dote merito.

Consapevoli che gli investimenti fatti in questi anni sul comparto di Parco e Villa Reale hanno restituito alla Brianza un gioiello architettonico destinato ad essere sempre di più sede e centro lombardo delle iniziative e degli eventi internazionali più prestigiosi.

La visibilità e il prestigio internazionale acquisiti grazie anche a Expo 2015, ci hanno consentito di tenere Monza inserita nel circuito della Formula Uno a fronte pure di significativi investimenti sull’autodromo e hanno creato le condizioni per la candidatura della Lombardia ad ospitare una delle prossime edizioni delle Olimpiadi invernali.

 

Ricordo che in questi 5 anni:

  • 55 i milioni di euro stanziati per la valorizzazione del comparto ParcoVilla Reale Autodromo
  • 900 i milioni di euro erogati dalla dote scuola per un milione di studenti lombardi
  • 200 milioni di euro per borse di studio e contributi universitari sono stati messi a disposizione. Raggiunto il 100% degli studenti richiedenti 
  • 119 i milioni di euro stanziati per l’edilizia scolastica 
  • 41 milioni di euro per il contenimento delle rette delle scuole materne libere erogati 
  • A integrazione della dote scuola per ogni studente disabile che frequenta corsi regionali triennali sono stanziate 3 mila euro
  • Durante Expo 2015 sono state raccolte 43 mila firme per salvare il Gran Premio di Monza e sono stati successivamente stanziati 15 milioni di euro